fbpx

– Tutelare il proprio lavoro da influencer –

Voi trasformare la tua passione di influencer in un lavoro a tutti gli effetti riconosciuto e professionale? 

In questo articolo, ti spiegherò alcune strategie e alcuni passaggi burocratici che dovrai adottare per trasformare quello che oggi è “un progetto di lavoro” in un lavoro con delle basi solide per la tua tutela, quella della tua immagine e, soprattutto, la tutela del tuo lavoro e dei tuoi guadagni. 

Sei pronto a  costruire e tutelare il tuo futuro professionale? Cominciamo.

Pochi semplici accorgimenti per garantirti la massima sicurezza e dimostrare professionalità.

Oramai l’influencer e l’influencer marketing sono sempre più una realtà riconosciuta e richiesta in moltissimi ambiti di lavoro. Come sappiamo bene gli “influencer” nella storia ci sono sempre stati (politici, personaggi famosi, cantanti, ecc.), ma a differenza del passato oggi, “l’essere influencer” sta diventando, grazie ai social network e al web, un lavoro sempre più specifico e professionale. Partendo da questo presupposto però bisogna fare una importante distinzione: ci sono influencer e influencer, e non è una questione di numeri, di followers, o di social network che utilizziamo, ma di serietà e professionalità.

Sempre più aziende si affidano, infatti, agli influencer per promuovere i loro prodotti e i loro servizi ma, mentre fino a qualche anno fa bastava avere un buon numero di followers, oggi la selezione sta diventando sempre più attenta e i numeri non bastano più. Oggi serietà, professionalità e preparazione diventano sempre più criteri di selezione importanti da parte di aziende che cercano Influencers. 

Vuoi essere un influencer per gioco o vuoi far parte di quelli che lo fanno seriamente ottenendo guadagni? Se fai parte di quelli che vogliono farlo con serietà allora sarà importante che tu capisca “come organizzare il tuo business” perché l’influencer è un imprenditore 2.0.

Ma partiamo dall’inizio.

Fare un progetto di business: Per prima cosa dobbiamo capire che NON È UN GIOCO

Quando cominciano a parlare di denaro e di collaborazioni con aziende, quello che inizialmente poteva essere un passatempo va trasformato necessariamente in un lavoro.
Come ogni lavoro che si rispetti i primi passi fondamentali da capire sono:

1. Identificare con chiarezza il proprio settore d’interesse (di cosa ti vuoi occupare?)
2. Creare un progetto a breve termine e a lungo termine (darsi degli obiettivi)

Questi non sono aspetti burocratici ma di Strategia. Quando si decide di affrontare un lavoro in modo professionale capire dove si “vuole andare” diventa fondamentale anche per poter compiere, successivamente, tutti quei passi che ci permetteranno di farlo sia in termini operativi (dove trovare clienti, come farlo, ecc.) sia in termini burocratici (avere una partita iva, saper leggere i contratti, ecc.)

IDENTIFICARE IL PROPRIO SETTORE

Per identificare il proprio settore dobbiamo, innanzitutto, capire quali siano le nostre passioni, i nostri interessi e le nostre doti. I settori possono essere molteplici, dal lifestyle alla moda, al Travel, al beauty, al food e molti altri. Quello che dobbiamo fare è capire cosa ci piace ma anche cosa piace a quelli che sono i nostri lettori / followers. Essere coerenti e molto settoriali è una caratteristica importante non solo per chi ci segue (gli utenti amano seguire profili che forniscono una utilità o un intrattenimento molto specifico), ma anche per le aziende che dovranno lavorare con noi, poiché esse, spesso cercano profili con una direzione ben chiara e con interessi facilmente identificabili (es. interesse per il cibo, per i prodotti di beauty o per i viaggi)

PROGETTO A BREVE E A LUNGO TERMINE

Altro aspetto molto importante è quello della progettazione. Avere un progetto chiaro, sia economico che di sviluppo, ci aiuta a capire dove stiamo andando oggi e dove andremo domani e, soprattutto, di che cosa avremo bisogno durante il nostro cammino. Una delle tecniche più efficaci nel porti degli obiettivi è quella di Scrivere su un foglio gli obiettivi che vogliamo raggiungere. Dopodiché, non dovremo far altro che scrivere, sotto ad ogni obiettivo, tutti i passaggi necessari che dovremo intraprendere per il raggiungimento di quell’obiettivo così da capire cosa fare nell’immediato e cosa dovremo fare poi durante il percorso.

Come crearsi la propria “azienda” fatta di sicurezza e professionalità

Ora che abbiamo capito che non è un gioco, quello che dovremo fare è seguire tutti i passaggi fondamentali per la creazione di un SISTEMA fatto di immagine, struttura e tutela. 

I passaggi non sono molti ma sono tutti estremamente importanti:

  1. Cosa siamo? Società o ditta individuale? (e apertura della partita iva)
  2. Tutela della propria “immagine e produzione” (foto, articoli, ecc.) e registrazione di marchi/loghi
  3. Stipula di contratti con i propri clienti e partners o consulenti/collaboratori al fine di tutelare entrambi (pagamenti, responsabilità, rispetto del termine di consegna del lavoro etc.)

1. QUANDO UNA SOCIETÀ E QUANDO UNA DITTA INDIVIDUALE

Di base ogni lavoro inizia spesso per “gioco”. Questo, anche legalmente e fiscalmente, è tollerato in una fase iniziale. Infatti, la legge italiana permette di completare piccoli lavori attraverso una formula di “Prestazione Occasionale” che non è altro che uno strumento utilizzabile dai soggetti che vogliono intraprendere attività professionali in modo saltuario e sporadico fino ad un limite di € 4.800,00, lordi annui. È ovvio che per coloro che hanno deciso di intraprendere questo percorso per il proprio futuro, questa non potrà essere una soluzione definitiva. La scelta a questo punto ricade sulla formula societaria o sull’apertura di una ditta individuale. Si parte, comunque, dal presupposto della necessità di possedere una PARTITA IVA che permetta allo stato, alle aziende e a tutte le figure che incontreremo nel nostro percorso, di riconoscere ufficialmente l’esistenza della nostra Attività.  

Dopodiché, sulla base delle nostre esigenze e dei nostri obiettivi (e dalle nostre economie), andremo poi a decidere la formula più consona a noi: SOCIETÀ O DITTA INDIVIDUALE

Di base ogni lavoro inizia spesso per “gioco”. Questo, anche legalmente e fiscalmente, è tollerato in una fase iniziale. Infatti, la legge italiana permette di completare piccoli lavori attraverso una formula di “Prestazione Occasionale” che non è altro che uno strumento utilizzabile dai soggetti che vogliono intraprendere attività professionali in modo saltuario e sporadico fino ad un limite di € 4.800,00, lordi annui. È ovvio che per coloro che hanno deciso di intraprendere questo percorso per il proprio futuro, questa non potrà essere una soluzione definitiva. La scelta a questo punto ricade sulla formula societaria o sull’apertura di una ditta individuale. Si parte, comunque, dal presupposto della necessità di possedere una PARTITA IVA che permetta allo stato, alle aziende e a tutte le figure che incontreremo nel nostro percorso, di riconoscere ufficialmente l’esistenza della nostra Attività.  

Dopodiché, sulla base delle nostre esigenze e dei nostri obiettivi (e dalle nostre economie), andremo poi a decidere la formula più consona a noi: SOCIETÀ O DITTA INDIVIDUALE

Di base ogni lavoro inizia spesso per “gioco”. Questo, anche legalmente e fiscalmente, è tollerato in una fase iniziale. Infatti la legge italiana permette di completare piccoli lavori attraverso una formula di “Prestazione Occasionale” che non è altro che uno strumento utilizzabile dai soggetti che vogliono intraprendere attività professionali in modo saltuario e sporadico fino ad un limite di 4.800 € lordi annui. È ovvio che per coloro che hanno deciso di intraprendere questo percorso per il proprio futuro, questa non potrà essere una soluzione definitiva. La scelta a questo punto ricade sulla formula societaria o sull’apertura di una ditta individuale. Si parte comunque dal presupposto della necessità di possedere una PARTITA IVA che permetta allo stato, alle aziende e a tutte le figure che incontreremo nel nostro percorso, di riconoscere ufficialmente l’esistenza della nostra Attività.
Dopodiché, sulla base della nostre esigenze e dei nostri obiettivi (e dalle nostre economie), andremo poi a decidere la formula più consona noi: SOCIETÀ O DITTA INDIVIDUALE

Meglio una Società o una Ditta individuale? Cosa scegliere —> Per saperlo clicca qui

2. LA TUTELA DELLA PRODUZIONE

Sono molte le strategie per tutelare la propria produzione. Per produzione intendiamo tutti quei materiali originali che creeremo per il nostro lavoro come fotografie, video, articoli blog e qualunque altro strumento originale in nostro possesso. 

Ovvio che quando parliamo del web una garanzia al 100% sul nostro materiale non l’avremo mai. Sono troppi i canali, troppe le possibilità che qualcuno riutilizzi una nostra foto o una nostra frase senza esserne autorizzato, ma questo non deve scoraggiarci. 

Infatti, quello che più ci interessa, è quello di essere tutelati soprattutto dal punto di vista lavorativo. Ovvero essere certi che quantomeno il nostro lavoro non venga riutilizzato da nessuno a scopo commerciale di alcun genere senza la nostra autorizzazione. 

Per far questo ci sono alcuni suggerimenti che possiamo seguire:

1. Avere un blog / dominio di proprietà dove pubblicare i nostri materiali certificherà la data di pubblicazione degli stessi 

2. Tenere traccia del materiale ogni qual volta lo spediamo a qualcuno

3. Mettere un logo, un simbolo, una firma su ogni fotografia (anche piccolo) che ne attesti la produzione

4. Stimolare il proprio seguito a segnalarvi qualora trovassero il vostro materiale pubblicato senza fonte o senza permesso su qualche canale (social o web)

  1. Avere un blog / dominio di proprietà dove pubblicare i nostri materiali certificherà la data di pubblicazione degli stessi
  2. Tenere traccia del materiale ogni qual volta lo spediamo a qualcuno
  3. Mettere un logo, un simbolo, una firma su ogni fotografia (anche piccolo) che ne attesti la produzione
  4. Stimolare il proprio seguito a segnalarvi qualora trovassero il vostro materiale pubblicato senza fonte o senza permesso su qualche canale (social o web)

Oltre a questo, un passaggio molto importante può essere quello della REGISTRAZIONE del proprio marchio o logo. Questo al fine di evitare che qualcuno se ne possa impadronire o possa registrarlo al posto vostro. Registrare un marchio significa avere un proprio simbolo distintivo e inequivocabile. 

Per saperne di più su come registrare un marchio clicca qui

3. I CONTRATTI
L’aspetto contrattuale è sicuramente uno degli aspetti più delicati di ogni lavoro. Un contratto è un impegno tra due parti di rispettare una serie di regole e intenzioni. Questo però è tanto importante quanto pericoloso perché basta un’articolo all’interno di un contratto, troppo rigido o troppo flessibile per pregiudicare un rapporto o un incasso in caso di attrito.
In ogni lavoro i contratti svolgono un ruolo fondamentale considerando che regolano i rapporti non solo tra committente e commissionario, ma anche tra collaboratori, dipendenti, intermediari ecc. Ognuno di questi passaggi è un passaggio importante per il nostro lavoro e per un business e va trattato con la massima attenzione.
Sono molte le attenzioni che si possono avere nel momento nel quale andiamo a redigere o a firmare un contratto e alcune di queste potrai trovarle nel seguente articolo:

Contratti di lavoro: Come non rimanere fregati

Detto ciò, le attenzioni non saranno mai abbastanza poiché, nella maggioranza dei casi, chi avrà scritto il contratto che andremo a firmare, sarà sicuramente un Legale e l’unico modo per difendersi da un Legale è proprio attraverso un legale stesso.

Quello che posso consigliarti è di non prendere mai impegni importanti, come firmare un contratto, senza prima avere un parere di un legale che ti possa evidenziare vantaggi, criticità e rischi all’interno del documento.

Se sei interessato, il nostro Studio offre servizi di tutela legale studiati specificatamente sulle necessità di Influencer e Freelance, sia che si approcciano per le prime volte a lavori più strutturati, sia per coloro che svolgono questo lavoro in maniera già avanzata. 

SE VUOI SAPERNE DI PIÙ SUI NOSTRI SERVIZI CLICCA QUI

Per concludere, il mondo del digital marketing, dell’influencer marketing e di tutto quello che passa per il web, sta sempre più professionalizzandosi. Le aziende oramai scelgono con cura i propri interlocutori puntando si, su coloro che gli possono garantire un risultato in termine pubblicitario, ma anche su chi può garantire quella professionalità di chi tratta il proprio LAVORO come un LAVORO e non come un passatempo per guadagnare un po’.

Ora la domanda più importante è… e tu? Che influencer vuoi essere?

 

Accedi ora al CORSO GRATUITO

Accedi ora al CORSO GRATUITO

Inserisci il tuo nome e la tua email e accedi subito ai tuoi 3 VIDEO GRATUITI sul mondo degli INFLUENCER

GRAZIE! ora goditi i tuoi video!